Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Quel cambio «nascosto»
che si apprezza in Cina

Il cambio cinese si apprezza. Non quello nominale

China5
che si muove lentamente – e pure è salito da giugno 2010 a febbraio 2011 del 3,8% circa rispetto al dollaro – ma sicuramente quello reale: l’aumento dei prezzi ha effetti molto simili a quelli di un rialzo della valuta sui mercati valutari. L’indice dello yuan effettivo reale – verso le principali valute dei partner commerciali, e al netto dell’inflazione – è così salito nel 2010, secondo i dati ufficiali, del 4,72 per cento. Dal 2005 a oggi, si è apprezzato del 17 per cento. Non è poco.

Se il discorso si restringe al dollaro – per quanto i calcoli siano imprecisi – emerge con nettezza una recente accelerazione. «Si può dire – ha spiegato Fred Bergsten del Peterson Institute for International Economics – che il cambio reale del renminbi sia salito di almeno il 5% verso il dollaro negli ultimi sette mesi, producendo un apprezzamento reale contro il dollaro a un tasso annuale di almeno il 10% e forse persino del 12 per cento».

È così che funzionano le cose, in presenza di un peg

China6
anche imperfetto – come quello tra yuan e dollaro che tecnicamente è un crawling peg, perché “striscia” nel tempo – o anche di un’unione monetaria, come Eurolandia: al posto delle valute si muovono, con grande lentezza, prezzi e salari. Se il cambio nominale è sottovalutato lo stimolo monetario può diventare tale, per diversi motivi, da creare inflazione. Il risultato è che l’enorme surplus commerciale cinese si sta riducendo. Ancora una volta non in termini nominali, ma in termini reali, in rapporto al prodotto interno lordo.

Sull’inflazione cinese, al 4,9% annuo a gennaio, si è scritto molto. Così come sugli aumenti degli stipendi, a volte concessi sull’onda di clamorose proteste. «Quando gli storici guarderanno al passato e descriveranno il 2010, la grande storia da raccontare sarà l’enorme aumento nei salari che ridefinirà il modello globale del settore manifatturiero e le prospettive di inflazione dei prossimi dieci anni», ha raccontato alla Bloomberg Dong Tao, capo economista per l’Asia (escluso Giappone) del Credit Suisse.

L’incremento dei salari del 13% registrato l’anno scorso 

China3
  segna una forte accelerazione rispetto al 2009, ma resta in realtà al di sotto dei ritmi degli anni precedenti, quando si toccavano punte del 17%. Quello che è successo, allora, è che il costo del lavoro ha raggiunto una soglia oltre la quale emerge persino il rischio di una delocalizzazione verso altri paesi asiatici, più convenienti. La Collective Brands, che produce scarpe, sta per esempio già trasferendo parte della produzione in Indonesia.

Attraverso il cambio reale,

China4
insomma, le imprese cinesi perdono competitività, ma a  vantaggio della stabilità complessiva del sistema economico. In dieci anni l’incremento medio dei salari reali cinesi – 12,6% contro l’1,5% dell’Indonesia e lo 0% della Thailandia – non sembra essersi allontanato molto da quello della produttività, in crescita tra il 10 e il 15% annuo dal 90 a oggi. A questi livelli, però, la domanda interna si sta facendo ora – finalmente! – impetuosa, e spinge sui prezzi.

Le prospettive sono ora quelle di ulteriori pressioni al rialzo sugli stipendi: i salari reali, con l’inflazione che sale, stanno rallentando o al massimo stabilizzano i loro incrementi; ma almeno 31 province potrebbero aumentare, per il secondo anno consecutivo, i salari minimi. Nel distretto di Shenzhen, intanto, compaiono gli annunci: «Paghe alte per assunzioni urgenti». La concorrenza si fa sentire anche sui mercati del lavoro.

  • Giovanni Medioli |

    Il che non fa che confermare, caso mai ce ne fosse stato bisogno, la schizofrenia fra economia “realistica”, quella normata dalle politiche monetarie, industriali, dalle manovre economiche degli stati che tentano di indirizzarla e governarla, e l’economia “iperbolica” fatta dai mercati forward otc, che esprime ormai valori di cui i Pil nazionali non sono che un moltiplicatore, che si muove sulla scorta di idee improvvise, impressioni di mercato, rumors o semplicemente in base alle speranze di guadagno. Si potrebbero chiamare economia “formale” ed economia “reale”, con il piccolo problema che anche l’economia degli stati, infondo, è reale. E probabilmente molto più di quella “surreale” di mercati talmente volatili da essere apparentemente inspiegabili, figuriamoci governabili. Così da almeno 10 anni abbiamo politiche di contenimento, tassi bassi, nessuna iniezione significativa di liquidità nel mercato (almeno a livello europeo) eppure esiste inflazione (e per fortuna, o faremmo rapidamente la fine del Giappone). Creata dove? “Importata”, si dice. Un po’ semplicistico, perché la liquidità negata dalle banche centrali i mercati la trovano nella leva dei future. Di fatto le transazioni finanziarie sono ormai multipli di quelle fisiche. Il valore del denaro e dei beni sono sempre più difficili da stabilire e da rappresentare per l’uomo comune, l’esponente della classe media, che anche per questo, secondo molti psicologi, vive oggi una radicale caduta del desiderio di consumo. Non sa più bene cosa vuole, se se lo può permettere, se ne vale la pena: non si pone obiettivi soprattutto di medio periodo, non fa progetti di vita. Sono pochi soggetti affetti da bulimia del desiderio che fanno andare avanti la baracca e i prezzi alle stelle. Si può tornare alla realtà? Ed esiste, in fondo, una realtà? E chi lo sa? In realtà il denaro è una convenzione, un’astrazione che non esiste in natura. Così l’economia esce dalla sfera della matematica per approdare alla filosofia e forse alla psichiatria. Augurandosi che non finisca per diventare quello che è facile sospettare diventi, perdendo qualsiasi nesso con la razionalità, una religione.

  Post Precedente
Post Successivo