Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Henry Simons, un liberista contro le grandi imprese

Henry Simons, uno dei fondatori della prima Scuola di Chicago in economia, fu uno strenuo liberista. Il suo credo fu il “laissez-faire” che però, pensava, non può essere nel mondo moderno una politica del “far nulla”. Richiede piuttosto un “programma positivo”: regole per evitare la discrezionalità delle autorità, e per creare e sostenere una vera concorrenza. Anche nel campo economico, scrisse, “la libertà fondamentale è ovviamente quella di uomini con poteri uguali”

“Uomini” (e, naturalmente, “donne”) è qui la parola più importante. Secondo Simons una società non è una “persona giuridica” paragonabile, per diritti e libertà ‘naturali’, alle persone fisiche, ma uno strumento artificiale, legale, per ottenere obiettivi economici. Le corporations possono inoltre limitare la concorrenza e alterare la struttura dell’economia quando accumulano troppo potere: “Le società stanno semplicemente impadronendosi del nostro sistema economico (e politica), semplicemente a causa di un’assurda generosità e mancanza di attenzione da parte degli stati nel concedere poteri a queste creature legali”. Le proposte di Simons, avanzate durante gli anni Trenta e Quaranta del XX secolo, suonano oggi rivoluzionarie: “Non c’è alcuna giustificazione, con l’eccezione di un gruppo ristretto e specializzato di imprese, nel permettere alle società di possedere azioni di altre società  – e nessuna ragionevole scusa, a parte il caso delle utilities, per [l’esistenza di] società da centinaia di milioni di dollari, indipendentemente dalla loro forma di proprietà”. Secondo lui, sarebbe meglio se le società di investimenti possedessero azioni senza diritto di voto, e nel settore bancario consigliava una stretta divisione del lavoro tra diverse imprese e regole per evitare un eccessivo ricorso al debito a breve termine. La Grande crisi e il liberalismo del libero mercato erano il cuore del suo pensiero.

Dopo Simons, studiosi di economia e leader (da Ronald Reagan a Alan Greenspan) sono stati vittime della “malattia di Ayn Rand”, l’idea – avanzata dalla scrittice russoamericana che pubblico “Capitalismo, l’ideale sconosciuto – che le grandi imprese erano “la minoranza perseguitata dell’America”, quella– totalmente nuova – che i mercati e la concorrenza sono danneggiati solo dai governi e mai dalle grandi aziende, dagli oligopoli o dai monopoli, e la conseguente confusione tra le libertà economiche individuali e i poteri delle società.

Forse oggi, dopo una crisi causata dalle grandi imprese, anche pubbliche, e un salvataggio che ha creato un oligopolio finanziario, possiamo chiederci: è giuridicamente ed economicamente sano dare a entità “a responsabilità limitata” persino più poteri di individui pienamente responsabili?